sabato 30 marzo 2013

Esiste una città


Esiste una città sperduta
nell'azzurro del cielo,
dove le anime vaganti
sono una nota in armonia
con il Tutto e dove
il Tutto è musica e gioia ...
dove il sole ci parla con la luce,
con il profumo e il colore parla il fiore,
con le nuvole, con la neve e la pioggia parla l'aria.
Nel tempio del mondo
vive un impeto
che mai si placa
a infrangere
il mutismo delle cose
con la parola,
gesto, colore,
suono per esprimere
il mistero dell'Essere.

(Hermann Hesse)

giovedì 28 marzo 2013

Questo fantastico concerto...


Esistono dentro noi in qualche dove delle corde tese
la cui capacità di farle vibrare ed emettere suoni è di dominio esclusivo di un'anima speciale.

A volte vorremmo smorzare tutto, magari scappando da noi stessi.
Altre volte vorremo amplificare i suoni, illudendoci. 
Altre volte ancora c'è qualcun altro che da fuori tenta in ogni modo di pizzicare queste corde
o di smorzarle e, pur arrivandoci, non riesce nel suo intento.

La verità è che,
grazie a Dio,
questa dolce Musica
non siamo noi
ne a comporla ne a suonarla.

Nel migliore dei casi siamo solo degli strumenti
in mano ad un'anima speciale
che senza nemmeno sfiorarci
sta già suonando su di noi magnifiche note.

Ora mi siedo.

E mi gusto 
questo fantastico concerto.

giovedì 21 marzo 2013

Le cose di cui ti curi


Tu che scrivi qui, ora:
Guarda, la vedi come danza in aria la tua anima?
Gioca e ride e vola leggera
Vestita solo della sua bianca innocente nudità.

Ti guarda e ride di te.

E delle cose di cui ti curi.

Friends...

Musica nuova


Voglio che oggi sia per me un giorno nuovo.

Voglio disimparare a leggere i silenzi tra le parole.
Voglio imparare a guardarmi attorno e "fare tutto come se vedessi solo il sole".

Voglio essere per me come musica nuova.

Che scorre in questo corpo.
Libero e selvaggio.
Indomito e indomabile.

mercoledì 20 marzo 2013

Lei


Ci sono momenti in cui vorrei cancellare tutto e scappare.
Altri in cui la prenderei tra la carne e l'anima, all'istante, ovunque si trovi.

Aspetto.

Non so chi o che cosa. 
E perché soprattutto.

Non so più cosa pensare. 
So solo che nei miei silenzi penso sempre.

A lei.

domenica 17 marzo 2013

Dancing


Time is gonna take my mind
and carry it far away where I can fly
The depth of life will dim the temptation to live for you
If I were to be alone silence would rock my tears
'cause it's all about love and I know better
How life is a waving feather

So I put my arms around you around you
And I know that I'll be living soon

My eyes are on you they're on you
And you see that I can't stop shaking
No, I won't step back but I'll look down to hide from your eyes
'cause what I feel is so sweet and I'm scared that even my own breath
Oh could burst it if it were a bubble
And I'd better dream if I have to struggle

So I put my arms around you around you
And I hope that I will do no wrong
My eyes are on you they're on you
And I hope that you won't hurt me

I'm dancing in the room as if I was in the woods with you
No need for anything but music
Music's the reason why I know time still exists
Time still exists
Time still exists

So I put my arms around you around you
And I hope that I will do no wrong
My eyes are on you they're on you
And I hope that you won't hurt me
So I put my arms around you around you
And I hope that I will do no wrong
My eyes are on you they're on you
And I hope that you won't hurt me

(Elisa Toffoli)


sabato 16 marzo 2013

Un soffio caldo


L'alba e i granai, 
filtra di qua dal monte. 
Piano si accende, 
striscia e dà vita al cielo. 
Scende e colora 
vivida il fiume e il ponte. 
Oh è tempo per noi di andare via. 
Un respiro d'aria nuova. 
Chiudo gli occhi e sento di già 
che la stagione mia si innova. 
Un soffio caldo che va, 
un sogno caldo che va. 

Sogni che a volte 
si infrangono al mattino; 
spengono l'alba, ci spengono pà. 
Ma quanti cani 
mordono il nostro cammino. 
Ohoh, ma i sogni sai non dormono mai. 
Un respiro d'aria buona. 
Chiudo gli occhi e sento di già 
che la stagione mia ritrova 
un soffio caldo di libertà 
ohohoh, la libertà. 

Sotto un cielo d'aria nuova 
apro gli occhi e sento di già, 
sento pace nell'aurora. 
Un soffio caldo di libertà, 
Un sogno caldo di libertà 
ohohoh, la libertà.

(Zucchero)



venerdì 15 marzo 2013

Profuma



Il vento arriva e trasforma in aria il fiore
Ma nella mia carne abita ancora il suo profumo

giovedì 14 marzo 2013

(Save) The last dance for me...


You make me feel like in a dream

I don't know if you're for real
But I love 
The way 
I feel
Inside


Thanks.


Fragile

Fragile (Sting)

If blood will flow when flesh and steel are one
Drying in the colour of the evening sun
Tomorrow's rain will wash the stains away
But something in our minds will always stay

Perhaps this final act was meant
To clinch a lifetime's argument
That nothing comes from violence and nothing ever could
For all those born beneath an angry star
Lest we forget how fragile we are

On and on the rain will fall
Like tears from a star, like tears from a star
On and on the rain will say
How fragile we are, how fragile we are

On and on the rain will fall
Like tears from a star, like tears from a star
On and on the rain will say
How fragile we are, how fragile we are
How fragile we are, how fragile we are

(Sting)

martedì 12 marzo 2013

Le tue labbra


Quelle tue magnifiche labbra...

Aspetterei di vederti morderle in preda al piacere più convulso
Poi, stremata da un violento orgasmo senza fine
Raggiungerei la tua bocca mentre giaci a terra, esanime
Solo allora inizierei a morderle, a leccarle, a stringerne la carne con le mie stesse labbra

Fino a svegliarti
Di nuovo
Per ricominciare

Dal tuo fiore. 

lunedì 11 marzo 2013

Lo sai


Se chiudessimo gli occhi insieme per un istante
Ci troveremmo così vicini che sentiresti il mio calore crescere, risalire e fuoriuscire tutto
Fino a riempirti l'anima

I miei desideri sono fuoco che riscalda
Non brucia

Lo sai

Sfiorare l'idea


Credo di non poterle più resistere. Devo respirare. Devo toccare il suo desiderio.
La mia mano si nasconde sotto il tavolo e prima che possa rendersi conto di ciò che sta per accadere, le mie dita sfiorano già le sue gambe.
Leggo sul suo volto il fremito che le risale come una scossa impazzita lungo le cosce, trafiggendo in un istante il suo sesso, scuotendolo e agitandolo. E poi su, fin dentro lo stomaco. Come un pugno.
Una vampata di calore in un brivido di freddo la percorre interamente. I suoi occhi si posano sulla mia mano. Li sento condurre ogni mio movimento. Dove vuole lei. Dove i suoi sensi vorrebbero esplodere. 
Di piacere pieno. Penetrante. Profondo. Liquido.
Credo non possa più resistermi. Deve respirare. Deve toccare il mio desiderio.
Cresciuto a dismisura. 
Al solo sfiorare l'idea. 
Di averla. 
Di fronte a me.

Anche un uomo


Siedo all'ombra di quello stupendo albero con la schiena posata al tronco. Sento nello stomaco il fruscio delle fronde smosse da questo vento caldo. Conto almeno un milione di motivi per assaporare e gustare ogni stupendo brivido che mi regala. 
Inizio ad amare persino il silenzio di una goccia di rugiada.
Poi all'improvviso si scaglia come un fulmine il bisogno di un abbraccio: anche un uomo ogni tanto ne ha bisogno. 
Piove.
E ritorna il sole.
E il vento caldo, che asciuga tutto.
Persino le lacrime.
Del Salice Piangente.

venerdì 8 marzo 2013

Stringimi


Lo senti il mio petto?
Colpi dell'anima
In battere e in levare
Fuori da ogni controllo
Non mi fanno dormire
Non mi fanno concentrare
Non mi fanno pensare
Ad altro
Che a te
E al desiderio
Incontenibile
Di invadere il tuo corpo

Tu sei di più



Non ti regalerò mimose.
Non ti farò nemmeno gli auguri.
Non mi piace l’idea di dedicarti un giorno, di apprezzarti per convenzione,
di celebrarti perchè me lo dice il calendario.
Mi hai dato la vita, vestita da madre.
Hai avuto i volti di amori, poesie, canzoni, gioie, dolori.
Hai fatto sussultare la mia anima, esplodere sorrisi, sorgere lacrime, sei stata aurora e tramonto, luce e buio, rinascita e a tratti morte.
L’8 marzo lascialo alle cagne che scodinzolano a comando.
Tu sei di più. Tu sei tu.
Da sempre, il lato più bello di questa medaglia chiamata mondo.
Grazie di esistere. 
Donna.

(Roberto Arduini)

Parole


Mi eccita
Pensarti bagnata
Di parole

Pelle


Voglio togliere all'aria il profumo della tua pelle.
Dev'essere solo mio.
Lo voglio respirare tutto,
a pezzettini,
bacio dopo bacio.
Lascerò per ultimo il tuo fiore.
Perché poi non respirerai più.

giovedì 7 marzo 2013

Magnifico


Ho fame di te. 
Ogni membra del mio corpo desidera incastrarsi perfettamente nel tuo.
La mia anima lo è già.
Confusa nella tua.
Senza scampo.
Ed è magnifico.



Tonight


Come,
Fly
With me


mercoledì 6 marzo 2013

Dolcemente selvaggio


Dove sei? Io ti voglio qui, adesso, a prenderti cura del mio desiderio.
Voglio sentirlo stringere a piene mani. Voglio vedere la tua bocca che si riempie di lui fino in gola, e poi sentire la tua lingua e le tue labbra che scorrono per tutta la sua lunghezza, davanti e dietro, e in ogni angolo, fino a conoscerlo da cima a fondo come fosse una parte di me già tua. 
Voglio percepire dai tocchi delle tue mani e dalle carezze della tua bocca il tuo desiderio irrefrenabile di averlo immediatamente dentro te.
Forte e prepotente.
Nel prendersi cura di te.
A modo mio.
Dolcemente.
Selvaggio.



Emozioni, che mi regali


...adesso togliti ogni velo, 
alzati e spoglia anche me, 
lentamente, fissandomi negli occhi.
Voglio vedere il tuo desiderio luccicarti lungo le cosce 
al solo pensiero di sentirti invasa dalle mie membra.
Torturata a lungo sull'orlo del piacere,
affonderei la mia spada fino all'anima.
Nel profondo del profondo.
Dov'è tutto bianco. E nero.
E a colori.
Magnifici.

Voglio spalancare gli occhi proprio in quel momento.
E vederli tutti.

E vederti.
Al centro di quel bellissimo quadro.
Con gli occhi chiusi, la bocca spalancata, le gote rosse.
Mentre danzi su di me, a ritmo dei colori.
Delle emozioni.
Che mi regali.

Nel suono del vento


Ho passato un giorno intero senza sognare.
Ho provato a suonare, per colmare il silenzio.
Non uscivano che note senza senso, senza melodia.
Vibrazioni già smorzate prima ancora di essere impresse sui tasti.

Non riesco a farne a meno.
Di averla nelle vene.
Di avere la disperata voglia di urlare.

Per il solo piacere
Di sentirci.

Mescolati.

Anche solo
Nel suono del vento.

lunedì 4 marzo 2013

Le coeur tremblant, la joue en feu


Le coeur tremblant, la joue en feu, 
J'emporte dans mes cheveux 
Tes lèvres encore tièdes.
Tes baisers restent suspendus 
Sur mon front et mes bras nus 
Comme des papillons humides. 
Je garde aussi ton bras d'amant, 
Autoritaire enlacement, 
Comme une ceinture à ma taille.

(Cècile Sauvage)

Desiderio


Voglio sentire la tua voglia liquefarsi
mentre mi stringi forte
per sentire il mio desiderio attraverso le stoffe 
posarsi e scalpitare su di te.

Pensieri


Il profumo della tua pelle, l'aroma del tuo sesso, la fragranza del tuo desiderio, mi mancano come l'aria. 
Non respiro.
Fammi vivere nelle immagini più impudiche dei tuoi pensieri.
Almeno lì, forse, potrò respirarti.

Strumento


Dormi, riposa su di me.
Vegliero' su di te
infondendo con le mie corde dolci vibrazioni nel tuo corpo.
Sognando i tuoi tocchi.
Sui miei tasti.

Il tuo strumento.




domenica 3 marzo 2013

Colazione


Ti mangio a colazione.

A morsi.
Come fossi un biscotto. 
Già zuppo.

Regalo


Sentiresti la mia lingua stuzzicarti il buchino,
mentre stropiccerei il tuo sesso con le mie dita tra le tue labbra scivolose,
invadendolo,
ripetutamente,
a più dita,
ed estraendone nettare prezioso.

Sei il regalo per me.
Per sdebitarmi, devi fare ciò che ti dico.
Adesso,
godi.

Dune mosse




"Un viaggio in fondo ai tuoi occhi
"dai d'illusi smammai"
Un viaggio in fondo ai tuoi occhi solcherò
Dune Mosse.
Don't cry però
Poi...
colammo giù
E miseri
noi...
guardammo il blu.

Il mare in fondo ai tuoi occhi
Grembi nudi lambì
Il vento in fondo ai tuoi occhi
Carezzò Dune Mosse.

Don't cry e noi
poi...
colammo giù
Si rimbalzò
e...
tornammo su.

Dentro una lacrima
e verso il sole
Voglio gridare amore
uh uh
Non ne posso più
Vieni t'imploderò
a rallentatore
E nell'immenso morirò!
..."

(Zucchero)


venerdì 1 marzo 2013

Close to you


Goccia a goccia








Mi ubriaco di sogni e parole, 
danza, musica e poesia, 
consumato dall'attesa di quel momento, 
imprevedibile, 
che distillerà ogni dolore 
goccia a goccia
trasformandolo in magico piacere.
E allora il mio desiderio
smisurato, fuori luogo e inopportuno 
si farà spazio dentro te.
Esplodendo nel tuo nido.
Caldo.
Avvolgente.
Liquido.
Insaziabile.
Come me.
Di piacere e dolore.

Indomabile


Non sono come tutti gli altri

Non mi lascerò domare

Ecco ciò che mi guida
Un puro istinto animale
Fuori dal comune
Imprevedibile
Indomabile

Che da te mi ha condotto
E con te
Se riuscirai a montare
Galopperemo all'impazzata
Indomiti
Imbizzarriti
Dal desiderio

Di averci dentro
L'un l'altro.